IL MISTERO VIOLA

Casi irrisolti

 

Bruno Beatrice, Nello Saltutti, Mario Sforzi, Ugo Ferrante, Giuseppe Longoni, Massimo Mattolini. Sono tutti uomini, tutti calciatori, tutti hanno giocato tra la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni '70. Tutti hanno militato nella Fiorentina e tutti, ahimè, sono morti prematuramente. E' una maledizione? La maledizione della Fiorentina? Difficile crederlo. Allora è una casualità? Può darsi, ma una casualità davvero tragica e alquanto singolare.

Tutto ha inizio nel 1985 quando l'ex centrocampista viola, Bruno Beatrice, si ammala di leucemia mieloide. Morirà 2 anni dopo a 39 anni. Nel 2003 tocca all'ex attaccante Nello Saltutti, infarto. Aveva 56 anni. Poi Ugo Ferrante, 2004, tumore alle tonsille. 59 anni. Mario Sforzi, lo stesso anno, linfoma. Giuseppe Longoni, 2006, vasculopatia cardiaca e lesioni cerebrali. 56 anni. Massimo Mattolini, 2009, dopo un lungo calvario, in seguito ad un trapianto di reni, Fortuntamente alcuni sono ancora in vita, ma hanno avuto seri problemi di salute: Domenico Caso ha avuto un tumore al fegato; Giancarlo Antognoni ha avuto una grave crisi cardiaca; Giancarlo De Sisti un ascesso frontale al cervello. Anche questi ultimi 3 calciatori hanno giocato a cavallo tra la fine degli anni '60 e gli inizi degli anni '70, ed anche loro nella Fiorentina.


Pochi anni prima di morire, Nello Saltutti rilasciò un'intervista all'Avvenire alquanto inquietante: “ Ci riempivano di Micoren, prima della partita c'era sempre un caffè speciale, non sapevamo di cosa fosse fatto, ma in campo ci faceva andare il doppio degli altri. Sul tavolino, fuori dello spogliatoio, trovavamo sempre i flaconi delle pillole e poi flebo e punture a volontà”.


Dunque solo coincidenze? O c'è un nesso tra i decessi e l'uso/abuso di farmaci? Gabriella Bernardini, vedova Beatrice, non ha voluto credere al caso e tempo fa, grazie ad una sua istanza, è stata aperta un'inchiesta al fine di far luce su un eventuale collegamento tra queste strane e dolorose morti e i farmaci somministrati. Risultato? Zero a zero, all'italiana. Archiviata per prescrizione sopraggiunta di tutti gli indagati. Vale a dire medici, preparatori atletici, allenatori.


Per concludere, un piccolo mistero: le cartelle cliniche dei calciatori della Fiorentina di quegli anni sono scomparse. Gli archivi ci sono ancora, ci mancherebbe, ma caso strano contengono documentazioni a partire solo dagli anni '80 in poi.



Massimo Lippolis

centrometeo.com