PASOLINI: Petrolio e Dell'Utri

Casi irrisolti

Il senatore Marcello Dell'Utri sarà ascoltato dalla procura di Roma nell'ambito dell'inchiesta sulla morte di Pierpaolo Pasolini, ucciso nella notte tra l'1 ed il 2 novembre 1975 all'idroscalo di Ostia. Alla bese dei motivi della convocazione di Dell’Utri (noto collezionista di libri), ci sono gli enigmi sulla scomparsa del capitolo finale del volume ‘Petrolio’, romanzo postumo di Pasolini. Il politico avrebbe letto un dattiloscritto che, in forma sintetica, riassume in 78 pagine il capitolo scomparso e che questo fa riferimento a vicende relative all'Eni dell'epoca, a “loschi intrecci” e a circostanze sulla alla morte di Mattei.

Questo capitolo inoltre sarebbe legato ad altri misteri irrisolti come la morte di
 Mauro De Mauro. L'inchiesta sull'uccisione di Pasolini è stata riaperta circa un anno fa, ora è affidata al pm Francesco Minisci, sulla base di una richiesta dell'avvocato Stefano Maccioni incentrata sulle conclusioni del volume di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza ‘Profondo Nero’, che ipotizza una connessione tra l'omicidio di Enrico Mattei e le morti di De Mauro e di Pasolini. Per l'omicidio di quest'ultimo fu condannato a nove anni di reclusione Pino Pelosi, detto Pino la rana, che dopo trentenni ha confessato che quella notte, all’idroscalo, non era solo.

‘Petrolio’ è dedicato a
Eugenio Cefis, indicato come il vero fondatore della P2 e potente manipolatore dei poteri oscuri. Massoneria?

centrometeo.com